Seo e Posizionamento nel Mondo delle Compagnie Aeree

Paolo Dolci

17.07.2015

Seo e Sem
Airline seo

Da quando il mercato online delle prenotazioni turistiche e dei voli continua a diventare più saturo, c'è una sempre più stretta dipendenza nel mantenere e accrescere il traffico organico per ridurre i prezzi di advertising.

Per le grandi compagnie aeree questo sarà sempre uno dei più efficaci canali online in rapporto ai costi, dal momento che hanno così tanta autorità dovuta alla notorietà di brand che trasportano milioni di passeggeri ogni anno. 

Abbiamo preso in esame 10 compagnie aeree e le abbiamo analizzate sulla base delle fonti sui volumi di traffico proveniente dal Regno Unito per confrontare le performance del traffico organico tra di loro:

  • Ryanair.com
  • easyJet.com
  • Britishairways.com
  • KLM.com
  • Emirates.com
  • Virgin-Atlantic.com
  • Flybe.com
  • Jet2.com
  • Monarch.co.uk
  • Thomascookairlines.com

Search engine optimisation visibility

Usando i Visibility KPI di SearchMetrics, possiamo vedere la sommatoria del traffico che verosimilmente un sito riceve da ricerca organica. Sono tre i fattori che vengono presi in considerazione per una analisi che prende le Parole Chiave come punto di partenza: Volume di ricerca, Posizione, CTR.

Volume di ricerca

Più è grande il numero di ricerche, più è visibile la parola chiave

Posizione

Più alta la posizione, più la parola chiave otterrà visibilità

CTR

Ogni SERP mostra i risultati secondo un criterio differente. Alcuni possono mostrare mappe, immagini, news e Inserzioni a pagamento, mentre altre sono più canoniche e standard. In base alla tipologia di Keyword – un brand, un'informazione o finalità di navigazione - è possibile determinare la probabilità di un clic ad una data posizione.

Aggiungendo a tutto ciò i numeri di visualizzazioni di una parola chiave per un determinato dominio avremo il SEO Visibility KPI.


UK visibility Score: mostra come EasyJet sia davanti a tutti, con British Airways e Monarch che fanno anch'essi ottimi risultati. Da qui in poi c'è un ampio divario con il resto delle altre compagnie. Ryanair ha perso un numero significativo di visualizzazioni nel Marzo 2014 dal momento che, come riportato dalla compagnia, ha avuto delle problematiche tecniche che hanno causato perdite non del tutto colmate in termini di traffico.


Questa classifica mostra la visibilità delle compagnie aeree da dispositivi mobile confrontata con la loro versione desktop. Il recente update di Google ha messo in risalto come una stessa ricerca fatta da desktop e da mobile dia risultati differenti e siti con un miglior resa desktop e mobile appaiono più in alto di quelli in cui queste migliorie non sono state implementate.

Sorprendentemente i primi quattro siti hanno tutti peggiori score da mobile che da desktop e questo significa che la loro usabilità da mobile non è ottimale. Il resto del gruppo ha buone performance da questo punto di vista e per la maggior parte di loro, proprio per la miglior implementazione delle linee guida mobile, sarà possibile catturare parte del traffico dei primi quattro player.


Usando lo stesso stile di classificazione, abbiamo confrontato la visibilità delle compagnie aeree su scala globale confrontata a quella proveniente dagli UK.

L'alta percentuale dei numeri qui mostra come i siti delle linee aeree siano visibili in molti più paesi che non il solo Regno Unito. Questo punteggio non riflette necessariamente quanto sia ben posizionato un sito a livello internazionale.

High percentage numbers here show that the airline’s site is visible in many more countries than just the UK. The score here does not necessarily reflect how good a site's international setup is, as the score will be higher simply by operating a site in another country.

Nove siti su dieci sono .com, mentre solo Moarch è l'unico .co.uk e l'unico ad avere un focus sul traffico interno al Regno Unito. I risultati più interessanti sono quello di Ryanair, Emirates e KLM, con un 300% in più di visualizzazione globale rispetto al Regno Unito.


Authority

Domain Authority, è uno score (che va da una scala di 0 a 100) sviluppato da Moz che predice quanto bene un sito si posizionerà sui motori di ricerca. È calcolato utilizzando 40 diversi indicatori, tra cui la qualità del Dominio di appartenenza e il numero totale di link.


Le due compagnie aeree specializzate nei voli interni al Regno Unito hanno in questo caso degli score bassi, ma possiamo ipotizzare che questo sia dovuto alla maggioranza di siti inglesi che linkano ai loro siti. Il fatto che comunque Monarch sia terza per visibilità in Gran Bretagna mostra come non è necessario essere dei colossi a livello mondiale per competere in un mercato.

Inoltre EasyJet, pur avendo meno Domain Authority rispetto a Ryanair si posiziona meglio in quanto a visibilità sia in UK che nel resto del mondo.

Il Trust flow è una metrica relativamente nuova utilizzata da Majestic: questa metrica predice quanto sia affidabile un dominio in base a quanto lo sono i siti che lo linkano a loro volta.


In questo caso è sorprendente quanto sia basso il punteggio di British Airways che si posiziona ottava tra le dieci compagnie aeree analizzate: se pensiamo al fatto che fosse al primo posto delle nostre analisi di visibilità a livello globale, questo è sicuramente un risultato inaspettato.

Ne possiamo dedurre che probabilmente i link in entrata provengono da siti meno autorevoli. Questo non significa che necessariamente sono link nocivi ma che messi a confronto con quelli delle altre compagnie hanno una qualità complessiva inferiore.

Il numero di domini di provenienza

Il numero e l'autorità dei domini unici a cui linka una compagnia aerea giocherà un grande ruolo per quel che riguarda la posizione in cui comparirà in SERP. 

Andando a dare un'occhiata ai dati ottenuti da Ahrefs e Kerboo, due tool che analizzano i domini di riferimento, la classifica è la seguente:

Ryanair, che si posiziona prima, mostra un dato che è in linea con quello relativo alla Domain Authority. E ancora una volta Monarch mostra come un sito possa ben posizionarsi anche senza avere una visibilità internazionale.

Analisi Link

Ci sono stati grandi cambiamenti a causa degli update di Google, come Penguin, una penalità che è andata a colpire nel corso degli anni link innaturali, di bassa qualità o spammosi. Uno dei settori più colpiti sono le piattaforme verticali che si occupano unicamente di viaggi.

Kerboo è un tool che valuta la qualità dei link di un sito e a che livello di rischio è esposto quel sito per una penalizzazione. Kerboo sonda i link che rimandano ad un sito e raccoglie 120 tipologie di informazioni per elaborare il suo score.

Questo include tra gli altri l' anchor text, i domini stranieri, i tipi di link. Uno score di 500 è neutrale, ma se è più alto allora il rischio di penalizzazioni diventa sempre più probabile.

 

Tra tutti i siti KLM è quello con il margine di sicurezza più significativo, mentre Jet2.com è quella più esposta, con EasyJet che la segue poco dopo.

Uno score oltre 600 è normalmente da tenere sotto controllo e Jet2.com dovrebbe monitorare la propria rete di link per eventualmente ridurre i rischi.

 

Kerboo inoltre categorizza i link in “bad links” e “suspect links.” I “Bad links” sono quelli che andrebbero rimossi, mentre i “suspect links” sono quelli da controllare uno alla volta per verificarne la qualità.

I numeri intorno al 10% di “bad links” sono relativamete bassi, tuttavia molti siti hanno soglie superiori al 25%. Tutti questi “Bad Links” andrebbero analizzati e quasi ogni compagnia dovrebbe prestarci la giusta attenzione.

Conclusione

Le analisi presentate si fermano ad un primo livello, tuttavia andrebbero analizzate più in profondità per capire realmente come intervenire su questi score.

Come ci si aspetterebbe questi siti hanno alta Authority dal momento che hanno grandi dimensioni e milioni di clienti che le utilizzano. Tuttavia c'è una grande differenza tra chi ha più successo nel portare traffico organico al proprio sito e gli altri.

Ci sono certamente 4 o 5 di queste compagnie aeree analizzate che hanno potenzialmente l'opportunità di portare volumi di traffico importante ad un prezzo di acquisizione inferiore rispetto agli altri canali utilizzabili.


FONTE: http://www.travolution.co.uk/articles/2015/07/10/13268/analysis-how-airline-websites-fare-in-the-seo-battle.html

Psicologia Web Marketing

PrecedenteLa Psicologia applicata al Web Marketing

SuccessivoUn set di icone "Mobile App" distribuito da Freebie

Mobile apps icon set

Commenta questo articolo

facebook
google
X

Iscriviti alla newsletter

Acconsento al trattamento dei miei dati personali dichiarando di aver letto l'informativa sulla Privacy.